Caricamento Eventi

Diritti civili e amministrazione della città – incontriamo i candidati

 31 maggio 2017
  Ore: 21:00 - 23:30

Elezioni Comunali a Padova, diritti civili e amministrazione della città: mercoledì 31 maggio alle 21 presso Banca Etica si svolgerà un dibattito sui diritti civili fra i candidati alla carica di Sindaco di Padova

Mercoledì 31 maggio alle 21 presso Banca Etica, Sala Peppino Impastato – Via Niccolò Tommaseo 7 le associazioni: Arcigay Tralaltro Padova, Associazione Mimosa, Arci Padova, Circolo Uaar Padova (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti) hanno invitato i principali candidati alla carica di Sindaco a confrontarsi sui temi dei diritti civili e della laicità delle istituzioni.

Il dibattito sarà tradotto nel linguaggio Lis/It (lingua dei segni Italiana). Per agenvolare l’organizzazione nel garantire la partecipazione delle persone con disabilità uditiva chi dovesse necessitare dell’interprete Lis può comunicarlo con anticipo ai nostri contatti o tramite il modulo in calce alla pagina.
Parteciperanno i candidati: Massimo Bitonci (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Direzione Italia, Bitonci Sindaco, Mov. del Buonsenso, Prima Padova, Veneto Libertà), Simone Borile (Movimento 5 Stelle), Etta Andreella delegata per Sergio Giordani (Giordani Sindaco, PD, Area Civica, Padova è Giordani, Padova Bene Comune, Socialisti europei sinistra per Giordani), Arturo Lorenzoni (Coalizione Civica, Lorenzoni Sindaco), Luigi Sposato (OSA – Sposato Sindaco Padova, Il Popolo della Famiglia), Rocco Bordin (Rocco Bordin – La Padova Libera)

A moderare e a gestire i tempi sarà la giornalista Giuliana Lucca.

Organizzato per mercoledì 31 maggio alle 21, pertanto in quello che sarà il periodo più intenso di una lunga e strana campagna elettorale per l’amministrazione della città, questo dibattito fortemente voluto da Arcigay Tralaltro Padova, Associazione Mimosa, Arci Padova, Uaar Padova, vuole approfondire le posizioni dei principali candidati alla carica di Sindaco sui temi dei diritti civili, diritti delle persone LGBTI (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e intersessuali), antirazzismo e laicità delle istituzioni.

Sono questi temi, molto spesso sullo sfondo del dibattito politico cittadino, a essere però fondamentali per capire l’approccio e la coscienza che i candidati avranno nel gestire questioni delicate, come l’accoglienza e misure di integrazione, cittadinanza e diritti per le persone LGBTI (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e intersessuali), rapporti fra istituzioni cittadine e fedi. Temi che più che mai sono stati al centro del dibattito pubblico nella precedente amministrazione e rispetto ai quali marcare una differenza o stabilire una linea di continuità definirà un orientamento politico e un risultato elettorale.

Per il dibattito è stata scelta una location non casuale: la “Sala Peppino Impastato” di Banca Etica in Via Niccolò Tommaseo 7, in una zona della città al centro di molte questioni legate al degrado, inclusione e riqualificazione urbana. La sede di Banca Etica è infatti uno degli esempi, forse uno dei più rilevanti, di iniziative concrete e positive pensate per riportare sicurezza e tranquillità alla zona della Stazione di Padova.

Per garantire completezza ed equilibrio ai candidati il dibattito avrà una struttura abbastanza formale; ogni associazione porrà una domanda e i candidati avranno un tempo definito per rispondere e per eventuali repliche.

candidati Elezioni Comunali Padova giuliana luccaGiuliana Lucca al 2003 lavora per la televisione All News Canale Italia, dove conduce Notizie Oggi talk show di politica e attualità. Da sempre si occupa di Pari Opportunità aiutando le donne, soprattutto le giovani generazioni e lottando strenuamente per la parità di genere nelle istituzioni, nella politica e nella vita sociale.

Fa parte del comitato Lina Merlin la senatrice una vita interamente spesa per l’affermazione dei diritti e della dignità dei più deboli e le battaglie per il riconoscimento del ruolo delle donne e le pari opportunità. Nel 2017 ha vinto il premio Pari e Uguali come giornalista dell’anno impegnata nella lotta per l’affermazione dei diritti delle donne.

Galleria: