I pieni poteri di Orban

  

Il 30 marzo, con la giustificazione dell’emergenza Covid-19, il parlamento ungherese ha concesso al primo ministro Viktor Orbán i pieni poteri con i quali governare il paese a colpi di decreti.
Tra le prime vittime di questi pieni poteri ci sono le persone trans.
La nuova normativa definisce permanentemente il genere di una persona soltanto “sulla base dei caratteri sessuali primari e dei cromosomi”, sebbene le identità non si possano definire esclusivamente e solo sulla base di un mero dato biologico.
Quali possono essere le ripercussioni legali, sociali e psicologiche per le persone trans?
Qual è il ruolo dell’Europa nella difesa dei diritti delle persone Trans?
In Italia i diritti delle persone Trans sono riconosciuti?
Sono queste alcune delle domande che abbiamo approfondito sabato 20 giugno in diretta FB insieme agli/alle ospiti del nostro evento Angelo Schillaci, docente di diritto pubblico comparato Università La Sapienza Roma, la Dottoressa Nicolina Capuano e Christian Leonardo Cristalli di Arcigay Rete Trans Nazionale .
L’evento è stato coorganizzato con IAMÈ.

Puoi rivedere l’evento qui

Articolo tratto da https://arcigaychieti.wordpress.com/

Difendi i diritti, sostieni il nostro lavoro

Promuovere diritti, azioni, benessere, campagne, manifestazioni, monitorare e fare pressione sul parlamento e sulle istituzioni affinché in Italia vi siano sempre più politiche e leggi egualitarie in favore di lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e intersessuali, costa.

Arcigay cerca di dare corpo e realtà ad ognuno di questi obiettivi con specifici programmi e iniziative… che costano!

Per questo ti chiediamo di sostenerci.  Puoi farlo con una donazione una tantum o con donazioni periodiche anche di piccolo importo ma che ci consentono di fare una programmazione migliore delle nostre attività, con il 5×1000, con un lascito, finanziando specifiche iniziative, sollecitando la tua azienda a sostenerci… A tuo vantaggio sono previste anche agevolazioni fiscali.

Tu ci metti un po’ di sostegno e di fiducia. Noi ci mettiamo lavoro, testa e passione e ci impegniamo a tenerti informato sulla progressione del nostro lavoro comune e a informarti su come investiremo il tuo contributo.

Perché una società migliore fa bene a tutti, a te e a noi.


  •