A pelo d’acqua

  
A pelo d'acqua

A pelo d'acqua

E’ una fredda serata di primavera quando a Bari, in un appartamento del quartiere Poggiofranco, viene rinvenuto il cadavere di una nota gallerista della città, Graziana Anglani. Le indagini saranno condotte dall’ispettore Barbera, giovane poliziotto alle prese con una drammatica elaborazione del lutto causata dalla morte di suo padre, e dall’ispettore Calisi, omosessuale dichiarato e viveur infaticabile.

I protagonisti si muoveranno — in un percorso inesorabile costellato di dolore e sofferenza – sullo sfondo di una città, Bari, molto presente nel plot: la Bari dei quartieri bene e dei bassifondi, quella dei centri sociali e delle bische clandestine, con i suoi paesaggi struggenti, la sua storia e le sue contraddizioni. Con il suo mare. Parallelamente allo svolgimento poliziesco, verrà portato alla luce uno dei momenti più drammatici e significativi della storia recente della città, avamposto della Resistenza: il coraggio di alcuni adolescenti che in quel delicato spartiacque storico, hanno influenzato le sorti del capoluogo, disposti a tutto pur di salvarlo. In epilogo i due filoni tematici troveranno una sapiente saldatura con la soluzione del caso.

Lo stile narrativo combina la comicità involontaria di alcune situazioni e la drammatica realtà di altre, in un gioco di equilibri che non risparmierà colpi di scena al lettore.


Rocco Campagna è nato a Mola di Bari (Ba) il 24-07-1975. Fa l’insegnante di lettere a Bergamo, città in cui vive. ' laureato in Lettere Moderne all’Università degli Studi di Bari. Nel 2005 un suo racconto è stato selezionato all’interno del concorso letterario Subway; mentre un altro racconto è stato pubblicato l’estate scorsa sulle pagine de La Repubblica, edizione milanese. Collabora con le pagine culturali de L’Eco di Bergamo.

Info
campagnaroccov@libero.it


  •