Brescia terza città d’italia per diffusione dell’HIV – Arcigay
Caricamento Eventi

Brescia terza città d’italia per diffusione dell’HIV

 1 December 2019 2019
  • Questo evento è passato.

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Brescia è la terza città d’italia per diffusione dell’HIV secondo i dati del Servizio Sanitario Nazionale. Sono dati molto preoccupanti e secondo queste stime non si effettua più abbastanza informazione sull’argomento nelle scuole, negli ambienti sociali, attraverso i media.
Il primo dicembre è la Giornata Mondiale di prevenzione contro l’HIV e le malattie sessualmente trasmissibili; per questo, noi del comitato Orlando Arcigay Brescia organizziamo un evento per promuovere l’informazione sull’argomento.
Domenica 1 dicembre dalle ore 14:30 alle ore 18:30 in Corso Palestro angolo corso Zanardelli a Brescia

ci sarà un banchetto con delle volontarie e dei volontari, dove saranno offerte informazioni alle cittadine e cittadini bresciani e non. Si potrà anche effettuare un piccolo quiz anonimo con un piccolo premio in palio finale.

Il 2 dicembre, inoltre, le specializzande e gli specializzandi sulle malattie trasmissibili dell’Università degli Spedali Civili di Brescia terranno un banchetto informativo e di prevenzione HIV:

– dalle 10 alle 13 presso la facoltà di Ingegneria
– dalle 14 alle 18 presso la facoltà di Medicina
Con le stesse e gli stessi Orlando Arcigay Brescia instaurerà una proficua collaborazione continuativa.
La Presidente del comitato territoriale di Orlando Arcigay Brescia, Louise Bonzoni, sottolinea che: “L’HIV può colpire chiunque, indipendentemente dall’età, dall’etnia e dall’orientamento sessuale con la possibilità di incorrere nella degenerazione dell’AIDS SE NON CURATO ADEGUATAMENTE.
In Italia la modalità di trasmissione principale alla base delle nuove diagnosi dello scorso anno (3.443) è stata all’interno di relazioni eterosessuali. La vera popolazione a rischio, quindi, è quella che non usa il preservativo, la forma più sicura di prevenzione, oltre alle altre precauzioni nei vari tipi di trasmissione.”

Fermiamo insieme la disinformazione, partecipando attivamente al banchetto informativo e di prevenzione di domenica 1 dicembre.