Presentazione del reportage “Ella (She)” di Marika Puiker – Arcigay
Caricamento Eventi

Presentazione del reportage “Ella (She)” di Marika Puiker

 15 May 2017 2017
  Ore: 18:00 - 21:00

  Costo: Gratuito
  • Questo evento è passato.

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

 

Lunedì 15 maggio ore 18 presentazione della mostra fotografica Ella (She) di Marika Puiker, in esposizione da lunedì 15 maggio a mercoledì 17 presso BIOSFERA via S. Martino e Solferino 5 Padova. Il progetto Ella (She), vincitore del “Pride Photo Award 2015” ha seguito nella vita quotidiana una famiglia spagnola, quella di Violetta Herrero e Miguel Angel Ruiz, e dei loro figli, in particolare Eli, una bambina transessuale. Le fotografie di Marika Puiker raccontano una vita familiare ordinaria ma allo stesso tempo tabù, quella dei bambini “libellula”, o bambini con la disforia di genere (ossia si identificano nel sesso opposto a quello biologico), di cui in Italia si è iniziato a parlare da pochissimo e con molti timori. Alla presentazione saranno presenti Marika Puiker, Violetta Herrero e Miguel Angel Ruiz.

Questa iniziativa si svolte all’interno di OPEN Rassegna di Cultura e Cinema LGBTI in occasione della Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia in collaborazione fra Arcigay Tralaltro Padova, UAAR Padova, UDU Studenti Per – Rete degli studenti Medi, e CUC CinemaUno – MONDOQ Giornate di Cinema e Cultura Omosessuale e Queer.

La vita raccontata nel progetto “Ella (She)” è quella di Elian Angel Ruiz una bambina transessuale di 12 anni. Da quando aveva due anni i suoi genitori, Violetta Herrero e Miguel Angel Ruiz, si sono accorti che il figlio si sentiva una bambina e che il suo sesso biologico non coincideva con la sua identità di genere. Eli prediligeva esclusivamente i giochi e i vestiti femminili, che rubava di nascosto alle cuginette e a tre anni sua cugina le regalò la sua prima bambola, la “guapa roja”, e un vestito da principessa, che Eli si catapultava a indossare appena varcava l’uscio di casa.
I suoi genitori in un primo momento hanno vissuto con enorme preoccupazione questi atteggiamenti, colpevolizzati dalla psicologa a cui si erano rivolti e da alcuni conoscenti che li accusavano di non sapere educare loro figlio. Con il passare del tempo però, osservandolo e parlando con lui, hanno capito che la cosa più importante era che il loro bambino fosse felice e che avesse la libertà di essere ciò che desiderava.
All’età di nove anni Fernando, il nome che Eli aveva mantenuto fino a quel momento, è diventata ufficialmente Eli – il nome maschile è stato sostituito da quello femminile sui suoi documenti – e a 11 anni le è stato somministrato il primo sopressore di testosterone: un farmaco, dagli effetti reversibili, che inibisce la produzione di questo ormone.
Diversi studi recenti, condotti in Europa e negli Stati Uniti, dimostrano che il tasso di suicidi tra gli adolescenti e gli adulti transessuali è di gran lunga superiore rispetto a quello riscontrato nel resto della popolazione. Una delle cause principali va ricondotta a una vita trascorsa subendo continue repressioni da parte dei familiari e di una società che tende ancora a emarginarli e discriminarli.

“Abbiamo scelto di portare a Padova questo progetto di Marika Puiker, in particolare abbiamo scelto questo progetto per iniziare “Open – Festival di Cultura e Cinema LGBTI” organizzato in occasione della Giornata Mondiale Contro l’Omofobia e Transfobia, perché riteniamo che anche su temi delicati e molto avanzati, come la disforia di genere in età pre-adolescenziale, è necessario che finalmente anche in Italia si inizi a parlare, con conoscenza, rispetto e con la consapevolezza che dietro alle questioni astratte si celano vite e sentimenti di persone in carne ed ossa.”

“Sappiamo che l’omofobia e la transfobia, sia vissuta socialmente che nella vita familiare, è un peso, uno scoglio, nella vita non solo delle persone LGBTI (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e intersessuali), ma di tutta la comunità che ne viene direttamente o indirettamente danneggiata. E’ pertanto necessario che la lotta all’omofobia e alla transfobia diventi una questione condivisa e che la politica e le istituzioni se ne facciano pienamente carico”. – Mattia Galdiolo Arcigay Tralaltro Padova

Per approfondire:
www.marikapuicher.com
Le foto della serie “Ella(she)” sono visibili al seguente link www.parallelozero.com
Pride Photo Award: www.pridephotoaward.org