Un anno senza Marielle Franco – Arcigay
Caricamento Eventi

Un anno senza Marielle Franco

 22 March 2019 2019
  Ore: 18:00 - 23:30
  • Questo evento è passato.

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Ad un anno dal brutale assassinio di Marielle FrancoAmnesty International Verona e Arcigay Pianeta Milk Verona organizzano un aperitivo per tenere viva la sua memoria.

Ricorderemo la figura della splendida Marielle con letture e performance artistiche e parleremo della situazione dei difensori dei diritti umani in Brasile, sempre più spesso vittime di minacce, aggressioni e omicidi.
Durante la serata verranno raccolti fondi per sostenere il Verona Pride del prossimo 18 maggio.

Gli attivisti e le attiviste di Amnesty International Verona e di Arcigay Pianeta Milk Verona Vi invitano all’aperitivo presso la Locanda degli Scaligeri, via Bentegodi 7, Verona, alle ore 18 di venerdì 22 Marzo.

———————-

La notte tra il 14 e il 15 marzo 2018 a Rio de Janeiro venivano brutalmente assassinati Marielle Franco e il suo autista Anderson Gomes, mentre un addetto stampa veniva ferito. Marielle era un’attivista lesbica, nera, e femminista, che si batteva per i diritti umani ed era in prima linea nel denunciare gli abusi della polizia e le esecuzioni extragiudiziali. Era stata eletta nel 2016 nel consiglio comunale di Rio de Janeiro e lottava instancabilmente per difendere i diritti dei giovani nelle favelas e di altre comunità emarginate.
Ad un anno dalla sua scomparsa la comunità internazionale apprende la notizia dell’arresto di due persone sospettate di essere gli autori materiali del duplice omicidio. Sono i primi passi in avanti nell’indagine avvenuti nell’anno trascorso dall’uccisione.
Il suo omicidio è un altro esempio dei terribili pericoli che i difensori dei diritti umani devono affrontare in Brasile.

“Non c’è modo migliore per onorare l’incredibile lascito di Marielle Franco se non impegnarsi a proteggere i difensori dei diritti umani e garantire che possano continuare a svolgere in condizioni di sicurezza il loro fondamentale lavoro”.