Varese, panchina arcobaleno e iniziative in provincia per il 17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia

  

Una panchina Arcobaleno ai Giardini Estensi, bandiere rainbow esposte in molti comuni della Provincia, il riposizionamento della targa commemorativa delle vittime omosessuali perseguitate dal nazifascismo.

Il 17 Maggio è una data importante per la comunità LGBTI+ internazionale. Questa giornata è conosciuta anche come IDAHOBIT, acronimo di International Day Against Homophobia, Biphobia and Transphobia. 

Una ricorrenza – oggi riconosciuta anche dall’Unione Europea e dalle Nazioni Unite – che celebra la decisione storica da parte dell’OMS di rimuovere l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali, decisione avvenuta proprio il 17 maggio del 1990.

Obiettivo della giornata, l’organizzazione di eventi di sensibilizzazione e prevenzione per contrastare il fenomeno dell’omofobia, della bifobia e della transfobia nel mondo. 

Quest’anno, come ogni anno, anche Varese e provincia saranno protagoniste di IDAHOBIT, con alcune importanti iniziative promosse da Arcigay Varese.

Le iniziative nella città giardino

A Varese verrà inaugurata una panchina arcobaleno all’interno dei Giardini Estensi e l’Università degli Studi dell’Insubria esporrà la bandiera arcobaleno. Verrà inoltre esposto uno striscione dedicato a Palazzo Estense.

Le celebrazioni del 17 maggio hanno il patrocinio del Comune di Varese e dell’Università degli Studi dell’Insubria.

La panchina arcobaleno, dal forte valore simbolico resterà a tempo indeterminato all’interno dei Giardini Estensi e su cui verrà apposta una targhetta con la scritta “Varese dice no all’omofobia, alla bifobia e alla transfobia”. L’inaugurazione avrà luogo Lunedì 17 Maggio, alle ore 18

Interverranno: 

  • Davide Galimberti – Sindaco di Varese
  • Rossella Dimaggio – Assessora alle pari opportunità
  • Paola Biavaschi – Delegata alle Pari Opportunità e alle Politiche di Genere per il Dipartimento di Scienze Umane e dell’Innovazione per il Territorio – DiSUIT – Università degli Studi dell’Insubria
  • Giovanni Boschini – presidente Arcigay Varese e consigliere nazionale Arcigay

In concomitanza con l’inaugurazione della panchina, ci sarà un momento per la  targa in memoria delle vittime delle persecuzioni nazifasciste, inizialmente posizionata nei Giardini Estensi a Marzo 2019 e successivamente vandalizzata nel Novembre del 2020. Ora è stata ricostruita e verrà inaugurata nuovamente in concomitanza con la Panchina Arcobaleno.

“Qualsiasi tipo di discriminazione va sempre condannata – dichiara il sindaco di Varese Davide Galimberti – in nome dei principi di uguaglianza e nel pieno sviluppo dei diritti umani. Una società libera deve essere in grado di garantire lo sviluppo degli individui, anche nelle relazioni interpersonali e affettive. Con questa panchina Varese lancia un segnale per contrastare ogni forma di pregiudizio, nel rispetto dell’identità di ogni individuo”.

Con questa panchina e con le iniziative organizzate vogliamo simbolicamente  dire che a Varese non c’è posto per le discriminazioni e che la città include ogni persona, che può amare chi vuole ed essere sé stessa “ – dichiara Giovanni Boschini, presidente di Arcigay Varese. – “Desidero inoltre ringraziare tutti i sostenitori, il sindaco e l’amministrazione comunale per aver risistemato la targa che era stata vandalizzata mesi fa. L’averla ripristinata è per noi molto importante: è segno di una città e di un Paese che non si arrende ai soprusi, rispettosa dei diritti umani e della Memoria”.

Le iniziative in provincia

Ma non sarà solo il capoluogo a celebrare l’iniziativa. I comuni della provincia di Varese hanno deciso di celebrare il 17 maggio con diverse iniziative:

I comuni di Azzate, Besozzo, Ternate e Luino esporranno per tutta giornata la bandiera arcobaleno, mentre il comune di Laveno Mombello celebrerà la giornata sui social.

A Luino, inoltre, è previsto un incontro nelle scuole superiori (Liceo Sereni, ISIS “Città di Luino – C. Volontè e Centro di Formazione Professionale) realizzato in collaborazione con il gruppo scuola di Arcigay Varese e intitolato “Conosciamo i termini che utilizziamo?”.

Sempre a Luino, domenica 16 maggio alle ore 20.30 su Civicam verrà trasmesso un dibattito con la collaborazione di AGEDO Como – Lecco (associazione di genitori, parenti e amici di persone lesbiche, gay, bisessuali e trans) e Arcigay Varese dal titolo “Figl* e genitori si incontrano per la giornata contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia”.

Infine, a Saronno è stato girato un video dal titolo “Vi sentiamo”,  diretto dal regista Riccardo Banfi e realizzato dal videomaker Filippo Corbetta, che hanno dato l’opportunità agli studenti della Performative Arts Village (Pav), la scuola di cinema e teatro saronnese, di mettere in pratica le loro conoscenze. Il video, promosso dalla consigliera comunale Lucy Sasso, ha ricevuto il sostegno di Arcigay Varese.

Articolo tratto da https://www.arcigayvarese.it/wp-json/wp/v2/categories/13

Difendi i diritti, sostieni il nostro lavoro

Promuovere diritti, azioni, benessere, campagne, manifestazioni, monitorare e fare pressione sul parlamento e sulle istituzioni affinché in Italia vi siano sempre più politiche e leggi egualitarie in favore di lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e intersessuali, costa.

Arcigay cerca di dare corpo e realtà ad ognuno di questi obiettivi con specifici programmi e iniziative… che costano!

Per questo ti chiediamo di sostenerci.  Puoi farlo con una donazione una tantum o con donazioni periodiche anche di piccolo importo ma che ci consentono di fare una programmazione migliore delle nostre attività, con il 5×1000, con un lascito, finanziando specifiche iniziative, sollecitando la tua azienda a sostenerci… A tuo vantaggio sono previste anche agevolazioni fiscali.

Tu ci metti un po’ di sostegno e di fiducia. Noi ci mettiamo lavoro, testa e passione e ci impegniamo a tenerti informato sulla progressione del nostro lavoro comune e a informarti su come investiremo il tuo contributo.

Perché una società migliore fa bene a tutti, a te e a noi.


  •