Esce “Doppie Punte” di Michele Lamacchia, un romanzo per tagliare via il pregiudizio

  

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Esce in questi giorni Doppie punte, il nuovo romanzo di Michele Lamacchia edito da Lettere Animate. Costruito pensando alla bellezza come risultato finale di una trasformazione che passa da un definitivo “taglio di forbici” e giocato sul filo della metafora, racconta la (vera?) formazione di Piero, un ragazzo puro e semplice nato e cresciuto in una famiglia profondamente matriarcale dai forti contrasti: l’ingombrante assenza di un padre fascista, la presenza di regole rigide e di schemi sociali insopportabili. Piero si ritrova a far parte di un gruppo di teppisti di quartiere in una Bari degli anni ’70 sbandata e pericolosa e, per questo, cercherà i segnali della vera bellezza confrontandosi con realtà e personaggi singolari e a volte estremi tra la sua città e Roma, dove si trasferisce, e dove insisterà a costruirsi, con grande sacrificio e dolore, ma sempre con estrema ironia, il suo personale bozzolo di seta dal quale sbocciare. Perseguirà, coerentemente e senza compromessi, quel “taglio di forbici” definitivo.

L’autore del libro, attraverso la narrazione del protagonista Piero, affronta l’idea del pregiudizio e dell’ipocrisia, veri ostacoli per la realizzazione personale e il raggiungimento della bellezza, non solo estetica. Il romanzo riesce a raccontare temi delicati e sofferti come la scoperta della propria diversità in ambienti molto conservatori e ostili oltre che ipocritamente giudicanti, con garbo e delicatezza e con una scrittura di divertente schiettezza.

“Cos’è il pregiudizio?” scrive Lamacchia “Il pregiudizio è quella cosa per cui prima prendevo le arance avvolte nella carta perché credevo fossero ‘scelte’, poi quelle senza carta perché pensavo che quelle con la carta fossero difettate e quindi coperte apposta. Solo più tardi capii che la carta era avvolta in modo casuale”.  E ancora: “Il pregiudizio è il capello lungo da drogato o da figlio dei fiori. O, come diceva Erica, da ricchione“.

Michele Lamacchia nasce a Bari nel 1977. Cura il proprio sito leparolecreanomondi.com, scrive per la free press e come blogger su diverse piattaforme. Ha pubblicato due romanzi (Mo Avast! e Nero), ha vinto il I concorso Narrativa Breve Satisfiction.

Se gli chiedete “Che stai facendo?”, risponderà “Scrivo”.


  •