Giornata mondiale contro l’Aids: la prevenzione come prima arma per combattere il virus, lavorare sulla PrEP e PEP anche a Salerno

  

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

COMUNICATO STAMPA

Giornata Mondiale contro l’AIDS: la prevenzione come prima arma per combattere il virus, lavorare sulla PrEP e PEP anche a Salerno.

 

“Abbiamo voluto fortemente questa giornata per lavorare tutti insieme, istituzioni e terzo settore, – ha sottolineato Edoardo Palescandolo, delegato alla Salute del comitato territoriale Arcigay Salerno “Marcella Di Folco” – affinché si creino nuovi servizi per lo screening dell’HIV e delle ITS, come anche la somministrazione di terapie PrEP e PEP a Salerno di cui oggi c’è fortemente bisogno”.

Paki Memoli, vicesindaca e assessora alle Pari Opportunità, ha evidenziato l’importanza di combattere lo stigma legato alle persone malate di AIDS, in quanto le terapie antiretrovirali annullano la carica infettiva del virus e si può vivere una vita normale, e di promuovere la ricerca scientifica nel campo delle malattie sessualmente trasmesse. Il Comune di Salerno, per esprimere vicinanza e sostegno all’iniziativa, il 1 dicembre si illuminerà di rosso in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS.

“Il Centro Giusy è un’opportunità che la Regione Campania e l’ASL Salerno hanno voluto offrire ai propri cittadini per prevenire l’HIV e le Infezioni Sessualmente Trasmesse – ha dichiarato il dottor Carmelo Petraglia, Centro Giusy InformAIDS, ASL Salerno – attraverso un test gratuito e in pieno anonimato. A questo si aggiunge un’attività di counseling che vogliamo incrementare in termini di qualità e quantità, fornendo un servizio di ascolto per le persone sieropositive”.

Ha espresso piena collaborazione, attraverso il Servizio Dipendenze e il Consultorio Disforia di Genere, la dirigente dell’ASL Salerno Antonella Grandinetti, per promuovere un discorso di corretta informazione sulla sicurezza nei rapporti sessuali e di prevenzione ai giovani attraverso le attività del terzo settore.

“I dati dimostrano che più del cinquanta percento dei migranti costretti alla prostituzione a cui viene diagnosticato l’HIV l’ha contratto in Italia, – ha concluso Alessandra Galatro, responsabile del progetto “Fuori Tratta” dell’ARCI Salerno – quindi come associazione abbiamo uno stretto rapporto con il Centro Giusy e facciamo informazione affinché ci sia una consapevolezza sempre maggiore su queste malattie”.

L’appuntamento è a domani sera, al Bar Verdi, dove al consueto aperitivo del giovedì sera organizzato da DiverCity si potrà effettuare in piena sicurezza, gratuitamente e in anonimato un test HIV salivare grazie alla collaborazione dell’ASL Salerno. Verrà distribuito anche materiale informativo e contraccettivo.

Galleria: