POLITICHE LGBTQIA+ E BUONE PRATICHE NELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI

  
Tavola rotonda all’interno della Queer Week

Domani pomeriggio, dalle 17.30 in poi, all’interno della Queer Week al Lumen, le associazioni LGBTQIA+ dialogheranno insieme alle istituzioni locali sulle politiche attuate o ancora da attuare nel nostro territorio. 

Le rivendicazioni, i servizi e il supporto alla comunità LGBTQIA+ hanno ancora bisogno di essere riportate nel concreto delle vite di ciascuno. Il Pride ormai è un appuntamento decennale, ma nonostante ciò, le rivendicazioni politiche difficilmente si traducono in un cambiamento nel quotidiano. La tavola rotonda, anche grazie alla neonata consulta LGBTQIA+ del Comune di Firenze, ha come scopo quello di gettare altre nuove basi per provare a cambiare tutto quanto.

Molte le presenze istituzionali che hanno risposto all’appello di Arcigay Firenze per questa tavola rotonda: Alessandra Nardini, Assessora Regionale Istruzione, formazione professionale, università e ricerca, impiego, relazioni internazionali e politiche di genere; Benedetta Albanese, Assessora casa, lavoro, formazione professionale, diritti e pari opportunità, sicurezza urbana del Comune di Firenze; Donata Bianchi, Presidente della Commissione Pari opportunità, pace, diritti umani, relazioni internazionali, immigrazione del Comune di Firenze. E molte anche le associazioni LGBTQIA+ che hanno aderito: oltre ad Arcigay Firenze Altre Sponde, Azione Gay e Lesbica, Agedo, Anemone, famiglie Arcobaleno e Love My way. 

Un’adesione forte, segno evidente di una necessità reale di lavorare per rivoluzionare le cose.

Mauro Scopelliti, Presidente di Arcigay Firenze Altre Sponde “È fondamentale parlare di politiche e buone prassi nelle amministrazioni locali, per garantire diritti e tutele alla cittadinanza. Nel 2022 ancora in Italia non esiste una legge che protegge le persone da atti di discriminazione e violenza, ma c’è molto che si può fare nel piccolo per migliorare le vite delle persone, per semplificare le pratiche di tutti i giorni. È arrivato il momento in cui non è più accettabile che nella nostra società qualcuno debba ancora subire outing forzati o umiliazioni pubbliche. È arrivato il momento che chi può agisca, che anche le amministrazioni locali si prodighino verso il cambiamento.”

“Questa tavola rotonda rappresenta l’occasione per portare avanti il nostro lavoro insieme e continuare a lavorare verso l’obiettivo comune: la piena parità dei diritti di tutte le persone.” Ha commentato Benedetta Albanese, Assessora casa, lavoro, formazione professionale, diritti e pari opportunità, sicurezza urbana del Comune di Firenze. “È fondamentale non abbassare l’attenzione, favorire il confronto, non stancarsi di ascoltare e di elaborare soluzioni per la migliore tutela di tutti e di tutte”.

Donata Bianchi, Presidente della Commissione 7 “Le politiche pubbliche promosse dagli enti locali hanno la necessità di un costante confronto con le comunità locali, anche i rapporti con la comunità lgbtqia+ rappresentano ormai da tempo un valore aggiunto, sono convinta che la consulta sia l’occasione per rafforzarli. “

La tavola rotonda si inserisce tra gli appuntamenti della Queer Week, iniziata martedì 21 giugno che proseguirà fino a domenica 26. Una settimana intera di appuntamenti a tema Queer in equilibrio tra incontri di approfondimento e riflessione, e serate di divertimento e spettacolo. Un appuntamento importante che si rivolge non solo alle persone LGBTQIA+ e a tutte quelle che a loro volta si sentono oppresse e discriminate per motivi simili, ma anche a tutta quella parte di società che sente il bisogno di essere parte di un cambiamento attivo.

Da segnalare nel programma rimanente della settimana, l’imperdibile “Casa Hangar” open mic con Ava Hangar di giovedì 23, lo spettacolo di Stand Up “Vedi Caro” di FRAD e Claudia Vernier di venerdì 24 e la presentazione del libro “Canone ambiguo”. Da segnalare anche la “family edition” di The shade show di sabato in cui lə resident artists ripercorreranno il best of delle performance di questo primo anno; la domenica pomeriggio dedicata ai giochi da tavolo per appassionati e a chiusura lo spettacolo di improvvisazione teatrale. 

PROGRAMMA 23-26 GIUGNO 2022

Giovedì 23

Ore 17:30 – Tavola rotonda: Politiche LGBTQIA+ e buone pratiche nelle amministrazioni locali

Ore 20 – Solo se ti rende felice con GGG – Palchetto

Incontriamo i Gruppo Giovani GLBTI* di Firenze per parlare della risposta dell’attivismo LGBTQIA+ ai bisogni dei giovani.

Ore 21:30 – Casa Hangar – Main Stage

Ava Hangar apre le porte di casa sua, ovvero del suo palco, a chiunque voglia esprimere se stesso senza paura di essere giudicato ma solamente accolto nella sua grande famiglia. (Open Mic)

Ore 23 – Dj Set – Main Stage

Venerdì 24 

Ore 19 – Aperi-Queer

Invadiamo Lumen mentre proviamo le sue proposte culinarie. 

Ore 19:30 – Solo se ti rende felice con Luca Starita – Palchetto

Presentazione del libro “Canone Ambiguo” sul tema della rilettura Queer di grandi autori del passato.

Ore 21:30 – “Vedi Caro” – Main stage

Spettacolo di Stand Up di FRAD e Claudia Vernier.

Vedi Caro è un monologo comico arricchito da incursioni musicali, scritto e interpretato da FRAD e musicato e interpretato da Claudia Vernier, sui temi dei ruoli di genere, del femminismo, del privilegio, del lesbismo e della queerness. 

Ore 23 – Dj Set

Sabato 25

Ore 18:00 – Introducing The Florentine – English news magazine in Florence

Con Vincenzo D’angelo e Kali Swaid

Evento in lingua inglese.

Ore 19 – Aperi-Queer

Invadiamo Lumen mentre proviamo le sue proposte culinarie. 

Ore 19:30 Talk ThreeFaces – Talk con Samuel Spanò – Palchetto
Intersezione con lo Sbeeem Festival dell’associazione Threefaces per un talk insieme a Samuel Spanò, fumettista e illustratore molto legato alle tematiche lgbtq+, con cui verranno affrontate le tematiche dell’inclusione e dell’aspetto psicologico salvifico che il disegno ha avuto nella sua personale esperienza. 

Ore 21:30 – The Shade Show “Family Edition” + Disco Party – Main Stage

Lə resident artists ripercorreranno il best of delle performance di questo primo anno di vita di The Shade.

Con: Ava Hangar, Victoria Wankinson, Bianca Mùnera, Panthera e Gionatella.

Domenica 26

Ore 16 – Arcigaymerz, un pomeriggio con i giochi da tavolo – Tavoli

ArcigaymerZ è il gruppo ludico LGBTQIA+ & friends di Arcigay Firenze. Nasce con l’obiettivo di creare uno spazio il più sicuro e inclusivo possibile per appassionatə di giochi da tavolo, di carte e di ruolo. Vieni a giocare con Arcigaymerz, i giochi da tavolo e le regole le portano loro!

Ore 17:00 – 19:00 Workshop – Cerchio di donne a cura di Giulia Cavallini – Frutteto

L’ espressione del femminile in cerchio, la ricerca di connessione tra storie diverse, di scambio e ricchezza per apprendere e fare esperienza. Il workshop ha un costo di 5€

Ore 18 – Agedo ON STAGE 

Come reagisce un genitore al coming out della propria figlia o del proprio figlio? Mille sensazioni, mille domande, parole dette e non dette, pensate o rimaste sospese. Ecco che quattro mamme di una associazione di genitori e amici di persone LGBTIAQ+ si confrontano, si raccontano, con leggerezza e profondità, con lacrime e sorrisi. Mettiamo in scena le nostre esperienze, le nostre vite e quelle delle nostre famiglie.

Ore 19 – Aperi-Queer

Invadiamo Lumen mentre proviamo le sue proposte culinarie. 

Ore 19 – Solo se ti rende felice con Nosotras – Main Stage

Con Nosotras, Associazione interculturale di donne, abbiamo ospitato un talk sul nostro podcast per parlare di empowerment e contrasto alla violenza di genere. A Lumen andremo più nello specifico ospitando una volontaria che ci parlerà della sua esperienza personale di cammino con le donne di NosOtras.

Ore 21:30 – Impro Queer – Arena

Serata di improvvisazione teatrale Queer.

Si può ridere di tutto si, basta creare lo spazio ideale e, soprattutto, bisogna saperlo fare.

Per informazioni Ufficio Stampa Arcigay Firenze – Alice D’Alfonso – 3495554747 – ufficio.stampa@arcigayfirenze.it

Articolo tratto da https://www.arcigayfirenze.it/

Difendi i diritti, sostieni il nostro lavoro

Promuovere diritti, azioni, benessere, campagne, manifestazioni, monitorare e fare pressione sul parlamento e sulle istituzioni affinché in Italia vi siano sempre più politiche e leggi egualitarie in favore di lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e intersessuali, costa.

Arcigay cerca di dare corpo e realtà ad ognuno di questi obiettivi con specifici programmi e iniziative… che costano!

Per questo ti chiediamo di sostenerci.  Puoi farlo con una donazione una tantum o con donazioni periodiche anche di piccolo importo ma che ci consentono di fare una programmazione migliore delle nostre attività, con il 5×1000, con un lascito, finanziando specifiche iniziative, sollecitando la tua azienda a sostenerci… A tuo vantaggio sono previste anche agevolazioni fiscali.

Tu ci metti un po’ di sostegno e di fiducia. Noi ci mettiamo lavoro, testa e passione e ci impegniamo a tenerti informato sulla progressione del nostro lavoro comune e a informarti su come investiremo il tuo contributo.

Perché una società migliore fa bene a tutti, a te e a noi.


  •