Pride not prejudice!

  

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

L’Associazione Arcigay Valle d’Aosta Queer VdA è felice di annunciare gli eventi del progetto Pride not prejudice, che si svolgerà tra settembre e novembre 2021 presso i locali della Cittadella dei Giovani, ad Aosta.

Il progetto Pride not prejudice, organizzato in collaborazione con l’Associazione Dora – Donne in VdA, è stato realizzato grazie al bando Progetti sociali 2021 del CSV VdA ODV, nell’attuazione del Piano operativo dell’accordo di programma tra Regione Valle d’Aosta e Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per il sostegno allo svolgimento di attività di interesse generale da parte di ODV e APS in attuazione dell’articolo 72 del Codice del Terzo settore.

Il progetto Pride non prejudice inizierà sabato 4 settembre, alle ore 21, con la proiezione del film Il rosa nudo di Giovanni Coda. Il film è ispirato alla vita di Pierre Seel, omosessuale deportato nei campi di concentramento nazisti. Alla serata parteciperà anche il regista.

Domenica 5 settembre, alle 21, si potrà assistere alla proiezione del film Gli anni amari, di Andrea Adriatico, che racconta la vita e l’attivismo di Mario Mieli, una delle personalità più significative del Movimento LGBTQ+ italiano, che quest’anno compie i suoi primi 50 anni.

Dal 13 al 19 settembre sarà possibile visitare In my pace, un progetto fotografico che vede uniti quattro artisti, quattro personalità completamente diverse ma che hanno uno scopo comune: raccontare la storia di persone e di luoghi per lo più sconosciuti, focalizzandosi sulla comunità LGBTQ+ migrante. Il progetto, nato in collaborazione con l’Associazione Arcigay Rainbow Vercelli Valsesia, comprende le opere di Salvatore Giò GaglianoGiulia LungoSimone Manzocchi Franco Marino. L’inaugurazione della mostra si terrà lunedì 13 settembre alle ore 20.

Sempre il 13 settembre, alle ore 21, i due curatori, Giorgio Ghibaudo e Gianluca Polastri, presenteranno il libro Queerfobia (D editore): un testo che, attraverso racconti, poesie, immagini, vuole raccontare il fenomeno dell’omobitransfobia e di cosa comporti nella vita delle persone vittime di quest’odio sempre più incontenibile.

Nel fine settimana del 18 e 19 settembre saranno assolute protagoniste le Nina’s Drag Queens. Avremo ad Aosta Lorenzo Piccolo, in arte Dora, e Alessio Calciolari, in arte Donata.

Piccoli esercizi di trasformazione! sarà un laboratorio Drag, che si svolgerà in due lezioni, la prima sabato 18 settembre dalle 16:30 alle 18:30 e la seconda domenica 19 settembre dalle 10:30 alle 12:30.

Sabato 18 settembre si chiuderà, alle 22, con la Serata spaccatacchi!, un DJ-set e serata di performance, mentre domenica 19 settembre, alle 15:30, le Nina’s Drag Queens leggeranno storie per bambin*, nell’evento intitolato Storie arcobaleno.

Il progetto si chiuderà a novembre quando, in data ancora da definire, sarà presente la sociolinguista Vera Gheno, che parlerà di linguaggio inclusivo, di schwa, e dell’importanza di considerare la lingua e la parola come strumenti indispensabili per costruire una società più includente e rispettosa.

Per tutti gli eventi sarà necessario il Green Pass, secondo le attuali normative rispetto al contrasto alla pandemia, ed è caldamente raccomandata la prenotazione all’indirizzo mail aosta@arcigay.it.

Si può contribuire alla realizzazione al progetto anche con una piccola donazione su https://www.produzionidalbasso.com/project/pride-not-prejudice/

Vi aspettiamo numeros*.

Il direttivo di Arcigay Valle d’Aosta Queer VdA