In Ogni Senso

  

In ogni senso è un viaggio che, come suggerisce il titolo, procede in varie direzioni e con mezzi diversi: attraverso il cinema, la musica, la letteratura, e il teatro sarà esplorato il mondo della cultura queer, toccando i temi dell’orientamento e dell’identità sessuale e delle affettività omosessuali.

Organizzato da NapoliGayPress.it in collaborazione con il Penguin Cafè sotto la direzione artistica di Luca Mercogliano. Si svolgerà nel corso di 5 settimane negli spazi del Penguin Cafè e del Volver Cafè

La rassegna darà modo di vedere per la prima volta a Napoli spettacoli innovativi ed originali come Genet(ico), evento a metà tra proiezione e concerto jazz (che già ha fatto parte del programma ufficiale del Bologna Pride 2008) e la performance Wunderkammer Soap #1 di Ricci/Forte (che tornano in città dopo il successo di Troia’s Discount nella scorsa stagione del Nuovo Teatro Nuovo)

Ad inaugurare la rassegna sarà (r)ESISTERE, la mostra della fotografa Luciana Lamanna che propone alcuni scatti di vita omosessuale, mentre la proiezione di Improvvisamente l’inverno scorso permetterà di fare il punto sulla situazione italiana in materia di parità e riconoscimento dei diritti.

Un incontro con l’autore teatrale Fortunato Calvino sarà l’occasione per affrontare il tema della legalità (in occasione della Giornata della Memoria e dell’Impegno) e per presentare in anteprima lo spettacolo Cuore Nero che racconta l’amore di due ragazzi “di mala”.

La rassegna si concluderà con due reading (di Maurizio Tieri e Tommaso Tuzzoli) che permetteranno al pubblico di avvicinare scrittori che, a livello internazionale, hanno raccontato l’affettività omosessuale nelle sue molte forme: gli italiani Cotroneo, Bianchi, Romagnoli e il canadese Michel Marc Bouchard.

In Ogni Senso è realizzato in collaborazione con Arcigay Napoli
, Dalga Production, con il sostegno del Decumani Hotel di Charme, AZgay, NotizieGay.com, Queer Tv Italia, Radio Deegay, Libera, Nuovo Teatro Nuovo e con il patrocinio del Comune e della Provincia di Napoli.

NapoliGayPress.it è il primo blog di informazione, politica e cultura gay a Napoli e in Campania [www.napoligaypress.it]

Il Penguin Cafè, ritrovo friendly per cinefili e appassionati di cultura, è l’unica libreira interamente dedicata al cinema a sud di Roma, un’enoteca-winebar e spazio eventi napoletano situato in via Santa Lucia 88

***
PROGRAMMA

10 MARZO ore 19.30
Penguin Cafè, via Santa Lucia 88

(r)ESISTERE
Mostra fotografica di scatti di vita omosessuale di Luciana Lamanna
vernissage della mostra

Vivere dichiarandosi gay e lesbiche o trovarsi a vivere in un corpo che non si riconosce come il proprio è una protesta, un pride, una (r)Esistenza che continua a crescere negli anni. Come un tempo le persone di colore e le donne hanno lottato per i loro diritti, oggi anche gli omosessuali continuano a costruire la loro (r)Esistenza, aspettando una società più tollerante anche per il mondo in rosa.

In collaborazione con la Sezione Artistica di Arcilesbica Napoli

Luciana Lamanna, nata a Napoli nel 1982, nel 2005 inizia a collaborare per un quotidiano di Napoli e a partecipare a diverse mostre fotografiche in tutta Italia. Dal 2008 è direttore artistico del Circolo Culturale Arcilesbica "Le Maree" di Napoli

***

17 MARZO, ore 18.00
Penguin Cafè, via Santa Lucia 88

INCONTRO CON LA DRAMMATURGIA
DI FORTUNATO CALVINO

Giulio Baffi, critico teatrale
Fortunato Calvino, autore teatrale
Geppino Fiorenza, referente Libera per la Campania
Salvatore Simioli, presidente Arcigay Napoli

Incontro con  Fortunato Calvino in occasione della Giornata della memoria e dell’Impegno (21 marzo): l’autore parla del suo teatro e dei temi a lui cui più cari: la legalità e la diversità.
Saranno propost in anteprima alcuni estratti da "Cuore Nero" il suo nuovo testo teatrale (che andrà in scena ad aprile al Nuovo Teatro Nuovo) che racconta l’amore proibito tra due ragazzi "di mala"

Fortunato Calvino esordisce come autore teatrale nel 1990 dopo una lunga esperienza come regista.
"Cravattari" è uno dei suoi testi più noti (vincitore del premio Giuseppe Fava) insieme a "Malacarne" (vincitore del premio Calcante) in cui affronta direttamente i temi a lui più cari. Il suo ultimo spettacolo andato in scena è "Lontana la città" con Massimiliano Rossi e Loredana Simioli interpreti anche del nuovo spettacolo "Cuore nero".

***

17 MARZO ore 21.30
Penguin Cafè, via Santa Lucia, 88

GENET(ICO)

Come nei cinematografi d’inizio secolo scorso, Alberto Hugo Polese (cornetta, voce, pinquillo e sonaglio) e Alessandro Fedrigo (basso acustico) sonorizzano dal vivo il film-scandalo "Un chant d’amour", un inno all’amore dai toni onirici ambientato in un carcere maschile,
realizzato nel 1950 dallo scrittore Jean Genet (Querelle de Brest).
Il risultato è uno spettacolo multimediale di originale bellezza in cui la musica si inserisce nel film trasmettendo allo spettatore una percezione unica e diretta.
La colonna sonora è stata eseguita per la prima volta durante la Giornate di Cinema e Cultura Omosessuale di Padova il 10 maggio 2006 e lo spettacolo ha fatto parte del programma ufficiale degli eventi del Bologna Pride 2008.

Jean Genet prima di affermarsi come scrittore rimase a lungo in carcere, da dove uscì grazie all’intervento di alcuni intellettuali.
Il film, girato nel 1950 e condannato dalla censura, è stato proiettato clandestinamente fino al 1971.

***

24 MARZO ore 19.00
Penguin Cafè, via Santa Lucia 88

IMPROVVISAMENTE L’INVERNO SCORSO

Carmine Urciuoli (Pride) fa il punto della situazione sul tema delle coppie di fatto, sull’omofobia, sulle pari opportunità e sul riconoscimento dei diritti in Italia con Luca Ragazzi, Gustav Hofer (autori del film) ed Aurelio Mancuso (presidente di Arcigay)

Il film racconta la storia di Luca e Gustav, una coppia che sta insieme da otto anni, e di quello che gli è successo improvvisamente l’inverno scorso, quando un’ondata inaspettata di omofobia ha sconvolto la loro quotidianità.
A Febbraio, dopo mesi di discussioni, il governo Prodi – come da programma – ha presentato una proposta di legge per le unioni civili estesa anche alle coppie omosessuali. E da lì è partita un’offensiva mediatica e politica di proporzioni inaspettate.

***

31 MARZO ore 19.00
Penguin Cafè, via Santa Lucia 88

TEATRO FUORI POSTO

Francesco Maddaloni (giornalista di spettacolo)
incontra Stefano Ricci e Gianni Forte

Stefano Ricci e Giovanni Forte raccontano la loro sperimentazione drammaturgica e la genesi dei loro allestimenti tanto peculiari. Una riflessione sulle motivazioni, sulle scelte, da quelle testuali fino a quelle sceniche, per arrivare alla realtà di chi affida il proprio quotidiano alla ricerca teatrale.
Attraverso contributi fotografici e la testimonianza degli attori che lavorano con loro, Ricci e Forte incontrano il pubblico napoletano prima di accompagnarlo nella loro “stanza delle meraviglie” altrimenti bunker per voyeur.  

Stefano Ricci e Gianni Forte si sono formati all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico”  e alla New York University, studiano drammaturgia con Edward Albee. Svolgono, oltre a quella di autori teatrali, l’attività di sceneggiatori. I loro ultimi lavori sono i Cesaroni (Telegatto come fiction dell’anno) e la serie tv Hot (prima e seconda stagione), che hanno scritto e diretto per Jimmy (SKY)

***

31 MARZO ore 21.00
Volver Cafè, Via Bellini 56


WUNDERKAMMER SOAP #1_DIDONE
di Ricci/Forte con Nicolò Todeschini

Un lungo viaggio verso la notte di un travestito che, dentro la sua stanza da bagno, prima di uscire in strada e vendere lotti del suo cuore, ripercorre la storia di un amore impossibile con un cliente che lo vuole chirurgicamente identico a Nicole Kidman
La performance nasce dall’idea di contaminare le arti visive con la lingua del teatro, è un cross-over LGBT tra immagine, video, testo registrato/stream of consciousness, voci off e musica. L’ installazione, reiterata a loop in un gabinetto pubblico, ha la durata di 25’

si consiglia la visione ad un pubblico adulto

è necessaria la prenotazione:
349 37 14 815 |  wunderkammer@napoligaypress.it

***

7 APRILE ore 21.00
Penguin Cafè, via Santa Lucia 88

QUESTO SOL M’ARDE E M’INNAMORA

Un reading ispirato alle opere letterarie di Ivan Cotroneo, Matteo B. Bianchi e Gabriele Romagnoli.

Tre storie che, a modo loro, parlano d’amore: un amore finito, un amore impossibile ed un amore immaginario.
Un progetto di Maurizio Tieri

***

7 APRILE ore 23.00
Penguin Cafè, via Santa Lucia 88

METTI UNA SERA CON BOUCHARD

Gianmarco Cesario (giornalista di teatro) incontra il regista Tommaso Tuzzoli e gli attori Andrea Capaldi, Andrea Manzalini, Silvio Laviano (in scena al Nuovo Teatro Nuovo di Napoli con "Il Sentiero dei Passi Pericolosi")
che propongono alcuni estratti dalle opere dell’autore canadese Michel Marc Bouchard, da molti considerato l’erede di Jean Genet

Michel Marc Bouchard è uno degli autori canadesi più noti al mondo. Inizia la sua attività nei primissimi anni Ottanta, segnalandosi al National Arts Centre con La Contre-nature de Chrysippe  Tanguy, écologiste (1983), ma il successo arriva alcuni anni più tardi con Le feluettes, in italiano Le mammole, prova o ripetizione di un dramma romantico (1988), tradotto in inglese (Lilies), e trasposto in film per la regia di John Greyson, presentato in Italia al festival a tematiche omosessuali Da Sodoma a Gomorra di Torino. Nello stesso anno compone Le muse orfane, testo rappresentato in vari paesi. Il sentiero dei passi pericolosi, una tragedia stradale è del 1998. Il suo ultimo spettacolo è De Occhi di vitro (2007).

Tommaso Tuzzoli Nasce a Napoli il 9 Ottobre 1977.
Nel 2001 inizia la sua intensa attività di aiuto regia per lo spettacolo EDOARDO II regia di Pierpaolo Sepe, PENULTIMI (2002) regia di Antonello Cossia, Raffaele Di Florio, Riccardo Veno.
Lavora come regista assistente di Antonio Latella per gli spettacoli: I NEGRI (2001), QUERELLE (2002), PORCILE (2003), LA TEMPESTA (2003), LA BISBETICA DOMATA (2003), BESTIA DA STILE (2004), EDOARDO II (2004), LA CENA DELLE CENERI (2005), ASPETTANDO GODOT (2007).
Nel 2005 debutta con la sua prima regia per lo spettacolo I RE di Julio Cortàzar e nel 2007 cura la regia de IL SENTIERO DEI PASSI PERICOLOSI di M.M. Bouchard, entrambi prodotti dal Nuovo Teatro Nuovo.

***

IN OGNI SENSO, dal 10 marzo al 7 aprile al Penguin Cafè, via Santa Lucia 88
info e contatti: 349 3714 815 | info@napoligaypress.it
info@penguincafe.it | 081 76 46 815


  •