Da sogno a realtà. ‘Reggio città sempre più a misura di tutti’ Associazioni e istituzioni al tavolo per celebrare il 17 maggio e gli obiettivi raggiunti con il CAD Calabria

  

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Presentati in occasione del 17 maggio gli obiettivi raggiunti dal CAD Calabria nei primi 12 mesi di attività

Tanti obiettivi raggiunti, basti pensare all’adesione di Comune e Metro City alla rete READY, alla partecipazione attiva dell’amministrazione ai pride cittadini e, infine, al Centro Antidiscriminazioni LGBT+.

Un progetto, quest’ultimo, che nasce nel difficile periodo del lockdown dovuto al Covid e che prende vita a marzo 2022, a pandemia ancora in corso. Nel 2023 il centro antidiscriminazioni LGBT+ non è più un sogno nel cassetto, fortemente voluto da numerose realtà di Reggio Calabria, ma una concreta realtà che, in un anno di attività ha aiutato tantissimi giovani e meno giovani, contribuendo, anche, a educare e, in alcuni casi rieducare, la società.

E, proprio nella giornata internazionale contro l’omobitransfobia, tutti gli attori che hanno contributo alla nascita del centro, si sono riuniti attorno al tavolo per fare un bilancio delle attività di questi ultimi 12 mesi e rimarcare la necessità di diffondere, sempre più, la cultura di “una città a misura di tutti“.

La storia del CAD ed il bilancio del 1° anno di attività

Nato grazie al bando Unar, il centro antidiscriminazione LGBT+ ha registrato tantissimi accessi. Una notizia borderline, con due diverse chiavi di lettura a seconda di come si interpreta il dato. Da una parte, infatti, si tratta di una pessima notizia, perché le discriminazioni sono aumentate notevolmente e così anche le richieste di supporto psicologico per percorsi di riaffermazione di genere e ansia sociale legata a percorsi di coming out. Dall’altra un barlume di speranza per un servizio che, fino a poco tempo fa, era assente sul territorio regionale e che, ora, sta riscuotendo grande successo.

Alla domanda precisa di chi sono queste persone che interpellano questo servizio, Michela Calabrò coordinatrice del progetto, fatica a rispondere, perché gli utenti che, quotidianamente, si presentano al CAD appartengono ad un target ampio e diversificato.

“Ogni persona presenta percorsi di fragilità diversi e per ogni singolo caso si attiva una serie di interventi che spesso mettono anche in difficoltà perché sul nostro territorio manca una cabina di regia più ampia rispetto alla presa in carico dai servizi territoriali. Non è facile definire un target. Normalmente un professionista si specializza su una specifica area di lavoro (giovani e minori, persone con disabilità, migranti, persone fragili) e tratta casi che riguardano quell’ambito. La nostra equipe si trova a essere di supporto a chiunque ne faccia richiesta. Diventa perciò complesso assegnare dei caratteri generali a un’utenza tanto variegata”.

Per continuare a leggere vai su https://www.citynow.it/centro-antidiscriminazioni-lgbt-reggio-calabria-giornata-omobitransfobia/?fbclid=IwAR0kkC6VnvW_g7PLUL85_txx45oF_d0ZOzYIyvE1UF9RtJA7GxQzbA2Dyo0

Galleria:


  •