Giornata contro la violenza sulle donne

  

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Il 25 novembre è la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Il 25 novembre 1960, nella Repubblica Dominicana vennero uccise le tre sorelle Maria, Minerva e Patria Mirabal, che furono stuprate, torturate, massacrate a colpi di bastone e strangolate, per poi essere gettate in un precipizio: in loro memoria, nel 1981, fu deciso di celebrare questa data.

Come associazione per i diritti delle persone LGBT+ (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender)  – dichiara il presidente Domenico Di Cesare – siamo al fianco di tutte le donne, comprese quelle troppo spesso non ricordate o non riconosciute: quelle trans. Anch’esse sono vittime di violenza e anche per loro vi è una giornata del ricordo (il 20 novembre), conosciuta nel mondo con il nome di TDoR (Transgender Day of Remembrance). La giornata è stata introdotta in ricordo di Rita Hester, vittima di omicidio transfobico. Il report sugli omicidi di persone trans, da gennaio 2008 a settembre 2020, registra 3664 vittime in tutto il mondo (Africa 18, Asia 303, Centro-Sudamerica 2894, Europa 159, Nordamerica 280, Oceania 10) di cui 350 nell’ultimo anno: il 38% è stato ucciso in strada e il 22% in casa; l’età media è 31 anni e il 98% delle vittime sono trans donne e il 62% sono sex worker. L’Italia, con 42 casi in 13 anni, ha il triste primato di essere al primo posto in Europa per numero di omicidi transfobici (nel 2020 i casi accertati sono stati 5).

Noi di Arcigay Rieti LGBT+ apprezziamo le tante iniziative che in questi giorni stanno coinvolgendo molti Comuni della provincia e ci teniamo a sottolineare che in quel colore rosso delle scarpe e delle panchine, c’è anche parte della nostra comunità. Speriamo in sempre più panchine rosse, affiancate da panchine arcobaleno e per questo – conclude Di Cesare – abbiamo chiesto con posta certificata alle sindache e ai sindaci dei 73 Comuni della provincia di installare anche una panchina arcobaleno, perché sensibilizzare al rispetto di tutte e tutti deve essere l’impegno base per ogni amministrazione, senza differenze di colore politico, perché i diritti non sono privilegi, ma priorità. 

Galleria:


  •