PANCHINE ARCOBALENO: MERITIAMO ALMENO UNA RISPOSTA

  

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

«Chiediamo alle singole amministrazioni dei Comuni della provincia di Rieti una risposta ufficiale  in merito alla nostra richiesta, inviata con posta certificata, di installare una panchina arcobaleno.  L’Associazione Arcigay – dichiara il presidente di Rieti LGBT+ Domenico Di Cesare – ha invitato  tutti i 73 comuni della provincia reatina ad aderire a un’iniziativa di sensibilizzazione alle questioni  della comunità LGBT+ (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender), attraverso il posizionamento di  una panchina in un luogo simbolo di ogni Comune. Ogni amministrazione dovrebbe schierarsi dalla  parte dei diritti, per un’inclusione sociale di ogni singola persona e questo andrebbe fatto al di là di  qualsiasi appartenenza politica.

Ringraziamo il comune di Montenero che il 31 ottobre scorso ha installato la prima panchina  arcobaleno, ma è rimasto sospeso nel vuoto l’appello della sindaca Lavinia De Cola: “I diritti non  hanno appartenenza politica e mi auguro che anche gli altri paesi della provincia possano aderire al  più presto all’iniziativa con le sindache e i sindaci in prima linea”. 

Facciamo presente – conclude Domenico Di Cesare – che siamo cittadine e cittadini che pagano  regolarmente le tasse e che, in quanto tali, abbiamo diritto a essere rispettati e ad avere almeno una  risposta». 

Domenico Di Cesare (pres. Associazione Arcigay Rieti LGBT+)

 

Galleria:


  •